Veg facile

Le domande dei lettori

Domanda n. 31: Sensibilizzare i carnivori e' un'impresa folle?

Mi chiedo come sia possibile cambiare le cose nel mondo quando non riesco neanche a far capire ai miei colleghi carnivori quanto sia disumano nutrirsi di animali o sfruttarli per i loro prodotti.
Dato che ho suscitato in loro tante curiosità e domande, ho cominciato inizialmente a dare informazioni, per es. anche perché non mangio uova, latte, miele ecc..., successivamente ho proprio girato via mail anche immagini o video di macelli almeno per sensibilizzarli.
Cosa ho ottenuto? Risposte del tipo, questi animali sono stati fatti apposta per essere mangiati, se loro fossero al nostro posto farebbero la stessa cosa, preferisco non vedere certe scene e pormi delle domande, é meglio andare avanti così.

Io sto quasi per gettare la spugna, a convincerli chiaramente, non a essere vegan, però é difficile trovarsi davanti sempre così tanta gente che ti guarda come fossi matto o un'extraterrestre.

Scusate lo sfogo!

Risposta a cura di: Marina, Redazione di VegFacile.

Questa domanda e' interessante, perche' ci permette di far notare una cosa importante: non dobbiamo per forza ridurre la cerchia delle persone da sensibilizzare a quelle con cui entriamo in contatto... non serve a nulla, demoralizza e basta.

Spieghiamo meglio: va bene informare chi ci sta accanto, e' giusto, perche' non sappiamo a priori se si tratti di persone sensibili o meno. Quasi nessuno e' nato vegetariano o vegan, e se noi stessi avessimo conosciuto delle persone veg che ci avessero aperto gli occhi sul problema, certamente avremmo smesso prima di mangiare animali. Quindi provarci e' giusto, se uno se la sente. Ma se dopo aver spiegato 1-2-3 volte ad amici, parenti, colleghi, la situazione non riceviamo altro che le solite osservazioni e risposte sentite miliardi di volte... basta, non e' che dobbiamo insistere 4-5-6-10 volte ancora! Basta cosi', la nostra attenzione va rivolta altrove, quelle non sono persone interessate e stop. Altrimenti facciamo come l'ubriaco della barzelletta, che cerca la chiave di casa che ha perso, anziche' nel luogo in cui gli e' caduta, sotto un lampione perche' li' e' piu' comodo e c'e' piu' luce!

Non dobbiamo limitarci alla nostra stretta cerchia di conoscenti. E' pieno di persone, li' fuori, che se vengono informate nel modo corretto avranno la possibilita' di capire e il coraggio di comportarsi di conseguenza. Smettiamo di perdere ore in discussioni sterili con persone non interessate, e usiamo invece quel tempo per informare gli altri. Come? Distribuendo materiali informativi in giro, organizzandosi per affiggere locandine, manifesti, organizzando tavoli informativi, o molto piu' semplicemente dei volantinaggi nei luoghi piu' adatti.

I materiali esistono, sono molti e ben fatti, si trovano sul sito https://www.agireoraedizioni.org e chiunque ne puo' ordinare e distribuire senza problemi una piccola quantita'.

Qui invece ci sono indicazioni pratiche su come e dove distribuire i materiali:
https://www.agireora.org/attivismo/cosa_fare.html

Buon lavoro, e mai gettare la spugna, gli animali hanno solo noi, non possiamo deluderli...

[ Aggiornata al 14/09/2007 13:45:06 ]

Torna all'elenco delle domande relative all'argomento 'Rapporti con gli altri'

Condividi questa pagina!

Contatti | Informativa sui cookie

E-book gratuito: